È capitato spesso che, in particolari momenti di emergenza, delle palestre siano state adibite a dormitori. Ma, forse, è la prima volta che, in uno stanzone seminterrato di un dormitorio pubblico, si apre uno spazio palestra. È successo al dormitorio “Beltrame” di Bologna che ha dato avvio al progetto “Condominio Sabatucci”, promosso dagli operatori e da diverse associazioni: Consorzio Indaco, Ass. Oltre, Le Fucine Vulcaniche, Sensiesegni, Universo, Naufragi, Avvocato di strada, Acquablu e Vag61. Allestita con materiali recuperati da altre palestre e donati volentieri per l’azzardo romantico e sognatore che questo progetto rappresenta, la Palestrina vuole essere un’occasione per ricostruire un pezzo della propria vita attraverso un’attività sana. Vuole anche essere uno spa­zio aperto alla città. Aperta dal lunedì al venerdì dalle 14,00 alle 20,30, grazie ai volontari delle associazioni che a rotazione organizzano le attività, la Palestrina, appena inaugurata, è dedicata al campione di pugilato cubano Teofilo Stevenson, che quando gli chiesero di passare al professionismo si rifiutò dicendo: “Cosa valgono cinque milioni di dollari, quando ho l’amore di cinque milioni di cubani”.

Condividi
Stampa questo articolo Stampa questo articolo dillo ad un amico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*