FAMIGLIA: ITALIANO DELL’ANNO
ANTONIO SCIORTINO
Direttore di Famiglia Cristiana

Investire seriamente sulla famiglia fa bene al Paese.
Se cresce la famiglia, cresce il Paese.
Perché è la ricchezza più preziosa di una nazione.
Un vero capitale umano, sociale e anche economico

 

Com’è possibile che in Italia, un Paese che si dice cristiano, si penalizzi così tanto la famiglia? A parole, i politici d’ogni colore promettono di tutto e di più. Nei fatti non mantengono nulla. Da sempre, in Italia, non è mai esistita una vera politica familiare, degna di questo nome. Una politica “strutturale” e di lunga gittata. E non quegli interventi saltuari, come “bonus” e “una tantum”, che si vorrebbero spacciare per “politica familiare”.
Nell’Unione Europea, siamo al di sotto della media del Prodotto Interno Lordo che i Paesi dedicano alle politiche familiari: solo l’1,2 per cento per l’Italia, a fronte del 2,3 della media europea. Per non citare Francia, Germania e i Paesi Scandinavi che sfiorano il 4 per cento.
Eppure, se c’è un Paese che avrebbe bisogno, con urgenza, di una poderosa politica familiare è proprio l’Italia. Siamo il Paese con il tasso di natalità più basso al mondo. Ci avviamo, nell’insensibilità e miopia della politica, a un vero e proprio “suicidio demografico”. Siamo un Paese vecchio e di vecchi. Tra qualche decennio, se non si invertirà la tendenza, avremo ventidue milioni di anziani e super anziani e soltanto otto milioni di giovani. Con questi numeri il Paese è spacciato, non ha speranza né futuro. La piramide della popolazione si è rovesciata. Otto milioni di giovani non potranno portare sulle proprie spalle così tanti anziani. Il Paese è in equilibrio precario. Destinato a crollare. E nessuno che se ne preoccupi. E programmi il futuro dell’Italia per i prossimi decenni.
Investire seriamente sulla famiglia fa bene al Paese. Se cresce la famiglia, cresce il Paese. Perché è la ricchezza più preziosa di una nazione. Un vero capitale umano, sociale e anche economico. I Paesi che meglio stanno uscendo dalla crisi sono quelli con una vera politica familiare. In Italia, la tanto vituperata famiglia, spesso irrisa e sbeffeggiata dai mass media, si è rivelata il miglior ammortizzatore sociale di tante carenze e inefficienze istituzionali. Ha ammortizzato il problema delle persone bisognose di cura: anziani e portatori di handicap.
In sette casi su dieci senza aiuti da parte dello Stato. Ammortizza, soprattutto, la gravissima piaga della disoccupazione giovanile, al trenta per cento a livello generale, ma al cinquanta per cento nelle Regioni del Sud.
La famiglia sembra interessare poco allo Stato. Che non è per nulla amichevole nei suoi confronti. Soprattutto a livello fiscale. Non c’è equità. A parità di reddito, un single
e una famiglia con più figli pagano le stesse tasse.
Lo Stato non fa distinzioni, sebbene le nuove generazioni siano la ricchezza e il futuro del Paese. E poco bada anche al mondo femminile. Senza reti di sostegno e protezione, come assegni familiari o asili nido, è difficile per una donna conciliare lavoro, famiglia e maternità. “Se una donna vuole lavorare”, ha dichiarato di recente il ministro Passera, “e non riesce a trovare un asilo nido per i figli, ogni discorso sull’occupazione è inutile”. Sempre più spesso, con la nascita del primo figlio, la donna è costretta a lasciare il lavoro.
Ma quel che è ancor più grave è che in Italia un figlio è fattore di povertà. E non di crescita e sviluppo, come avviene in altre nazioni. Se, poi, i figli sono più d’uno, una famiglia deve mettere in conto il rischio di entrare nel tunnel della povertà, da cui è difficile uscirne. Ciò nonostante, se il Paese è ancora in piedi lo deve alla famiglia e alla sua capacità di resistere e reagire alla crisi. Per questo Famiglia Cristiana ha assegnato alla famiglia il titolo di “Italiano dell’Anno”. Ma si meriterebbe di più. Forse, anche il Nobel per l’economia.

Condividi
Stampa questo articolo Stampa questo articolo dillo ad un amico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*