CONSUMO INFORMATO E RICICLO SONO LA STRADA PER IL FUTURO
Intervista a JANEZ POTOČNIK
Commissario Europeo per l’Ambiente
Abbiamo bisogno di allontanarci da un modello economico lineare, dove si estrae, dove produciamo, usiamo e buttiamo via, per avvicinarci a uno circolare, in cui i rifiuti di un flusso diventano materia prima per un altro

 

Quale potrebbe essere un nuovo modello di sviluppo, che si integri con la salvaguardia dell’ambiente?

Invece di considerare l’ambiente come una fonte illimitata di materiali, o come una sfida esterna, dobbiamo imparare a lavorare per mantenerlo sano. I tempi sono maturi per un nuovo modello, quello di un’economia circolare. Abbiamo bisogno di allontanarci da un modello economico lineare, dove si estrae, dove produciamo, usiamo e buttiamo via, per avvicinarci a uno circolare, in cui i rifiuti di un flusso diventano materia prima per un altro. La seconda cosa che dobbiamo fare è riutilizzare, riparare e riciclare. Questo è il nostro percorso verso la sostenibilità ambientale, che porterà un aumento significativo della competizione dell’Europa sulla scena mondiale, portando a nuovi e migliori posti di lavoro.

Quali sono i piani d’azione europei a lungo termine sull’ambiente che gli Stati membri devono raggiungere?

L’Europa ha recentemente adottato un programma di azione generale dell’Unione Ambiente fino al 2020 (7 ° PAA), che è una sorta di progetto per la sostenibilità europea.
Il programma ha il triplice obiettivo di realizzare un’economia verde inclusiva, pur proteggendo il nostro capitale naturale e la salute dei nostri cittadini. Questi obiettivi possono essere raggiunti attraverso una migliore attuazione della normativa, una capillare informazione e ampliando la base delle conoscenze scientifiche, investendo di più per l’ambiente e promuovendone la piena integrazione nelle altre politiche. Il programma è progettato anche per aiutare le città europee a diventare più sostenibili e a migliorare la capacità dell’UE nel rispondere alle esigenze dell’ambiente a livello regionale e globale e alle sfide del clima. Gli Stati membri adesso hanno bisogno di tradurre questi obiettivi in obiettivi nazionali e in politiche che favoriscano la crescita, dimostrando che l’ambiente è parte della loro soluzione alla crisi economica e finanziaria.

Qual è l’impegno dell’Unione europea nella lotta globale contro il cambiamento climatico?

L’Unione europea sta conducendo un’azione globale sul cambiamento climatico, che stabilisce cosa deve essere fatto a livello internazionale per mantenere il riscaldamento
globale a meno di 2° C rispetto ai livelli pre-industriali e impegnandosi a tagli significativi nelle emissioni di gas serra. In realtà, siamo quasi certi di andare oltre il nostro obiettivo di riduzione delle emissioni del 20% entro il 2020, quindi abbiamo proposto un taglio del 40% entro il 2030. A lungo termine, ci siamo impegnati a ridurre le emissioni dell’80-95% rispetto ai livelli del 1990, entro il 2050, come parte dello sforzo richiesto dal mondo sviluppato nel suo complesso. Siamo molto attivi in questo settore e l’Unione europea è in prima linea nei negoziati per garantire un accordo internazionale sui cambiamenti climatici, a Parigi nel 2015.

Quali sono le iniziative UE per proteggere la biodiversità e combattere il crimine contro la fauna selvatica?

Abbiamo una strategia per la biodiversità globale fino al 2020, con obiettivi e azioni per la tutela della biodiversità, degli ecosistemi e degli stock ittici e per rafforzare il contributo dell’UE nello scongiurare la perdita della biodiversità a livello mondiale. Una delle iniziative più recenti mira a proteggere l’Europa da specie invasive provenienti dall’estero. La lotta contro la tratta della fauna selvatica è importante per molte ragioni, ma anche per la minaccia alla biodiversità. L’UE ha norme rigorose sulle specie in pericolo e richiede a tutti gli Stati membri di garantire che il commercio illegale di specie selvatiche sia considerato un reato nel loro diritto nazionale e coopera con le autorità nazionali preposte, contro la tratta di fauna selvatica.

Due anni fa lei eri a Napoli per finanziare la regione Campania sull’uscita dall’emergenza rifiuti. Qual è la situazione, ad oggi?

Come probabilmente sapete, c’è stata una procedura di lunga durata dell’infrazione, ma la Commissione ritiene che il piano di gestione dei rifiuti urbani adottato dalla Campania nel 2012 sia accettabile, così il co-finanziamento di progetti di rifiuti urbani dell’UE è stato ora sbloccato. La Regione ha avviato il co-finanziamento di diversi progetti relativi ai rifiuti, a condizione che siano compatibili con il Piano. La Commissione ha ricevuto domande per circa 30 milioni di euro, anche per l’Impianto di compostaggio di Salerno, considerato un esempio di best practice. Per essere finanziati nell’ambito del FESR (Programma Operativo Campania), i progetti devono essere lungimiranti nella gestione dei rifiuti, in modo da indirizzare la prevenzione dei rifiuti, la selezione e il riciclaggio.

Cina e India sono importanti partner economici per i mercati europei. È possibile trovare un’alleanza comune per la protezione dell’ambiente?

È di vitale importanza. Io sono un ottimista e credo che accadrà. Il verde, un’economia più inclusiva, sono una necessità globale. Non abbiamo scelta, entro il 2050 saremo 9 miliardi su questo pianeta. Se non abbiamo imparato a salvaguardare il nostro ambiente e le risorse naturali, non avremo un futuro per tutti.
Questo è il motivo per cui siamo strettamente coinvolti nei processi internazionali a favore del clima e della biodiversità e alla ricerca di modi per accelerare i progressi sugli Obiettivi di sviluppo del Millennio e scambiare opinioni su quello che potrebbe venire dopo il 2015.

Qual è il suo messaggio per i giovani? E per i loro genitori?

Il futuro appartiene ai giovani. Sarete quelli colpiti dalle decisioni che prendiamo oggi sul cambiamento climatico, sulla salute umana, la sicurezza alimentare, la biodiversità e il benessere sociale. A meno che non si agisca ora urgentemente, subirete gli effetti del degrado ambientale, quindi è molto importante che comprendiate il vostro ruolo. Vi invito a pensare, prima di acquistare, come si usa e si consuma, perché le vostre scelte di consumo
fanno un mondo di differenza. Per quanto riguarda i genitori, dico: volete che i vostri figli vivano in un mondo sostenibile e sano? Dobbiamo puntare ad essere modelli e a modificare alcune delle vecchie abitudini acquisite fino ad oggi. Infine invito tutti, grandi e piccoli, a visitare il nostro sito web “Generation Awake”!

 

Il futuro appartiene ai giovani. Sarete quelli colpiti dalle decisioni che prendiamo oggi sul cambiamento climatico, sulla salute umana, la sicurezza alimentare, la biodiversità e il benessere sociale

 

Condividi
Stampa questo articolo Stampa questo articolo dillo ad un amico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*